Sempre più avvocati puntano sul SEO e sulla presenza Online

siti web avvocati

Sempre più avvocati puntano sul SEO e sulla presenza Online

Tra le categorie in crescita dal punto di vista della presenza sul web spicca sicuramente quella degli avvocati.

Lo dice una ricerca dell’Osservatorio Professionisti e Innovazione digitale del Politecnico di Milano. Si constata, infatti, che una delle priorità di investimento per il 40% degli intervistati è proprio quella di avere un sito web. In più, addirittura l’87% di essi dipendono dal web per progetti che hanno a che fare con la propria clientela, come forum, portali per scaricare documentazioni varie, ecc.

 

Il nuovo trend testimonia come la presenza online sia diventata negli ultimi due anni sempre più importante per un numero rilevante di professionisti del foro. Complice anche una semplificazione in ambito deontologico, dal momento che è cessato l’obbligo di informare i Coa della propria sponsorizzazione attraverso siti web.

Ecco perché si registra che persino Google Adwords, lo strumento che permette di pianificare annunci che puntano al proprio sito web, è stato utilizzato dal 50% degli avvocati in più dal 2014 al 2015 e dal 15% in più dal 2015 al 2016.

 

siti web studi legali

 

Siti web per Studi Legali

Un numero sempre maggiore di avvocati, dunque, puntano sui siti web. Ma quali tipologie di siti vengono preferiti? E quali best practice bisognerebbe adottare sul web da chi ha uno studio legale?

Sicuramente, oltre alla grafica professionale, molto gettonato è lo strumento di Search Engine Optimization (SEO). C’è chi comincia a masticare nozioni di SEO e quindi impara da sé a ottimizzare al meglio il proprio portale, un numero maggiore invece si affidano a esperti del settore che si occupano del lungo – ma duraturo! – lavoro di ottimizzazione agli occhi dei motori di ricerca.

Di seguito ecco alcune “regole” che sempre più studi legali stanno adottando per la propria strategia web.

  • Rendere il sito ottimizzato per ogni dispositivo. Un sito web può essere perfetto, ma se sul tablet la grafica non permette una buona navigabilità, o bisogna fare lo zoom per leggere dallo Smartphone, allora il sito verrà penalizzato.
  • Pubblicare articoli e spunti con costanza. Adottare la pratica di pubblicare spesso qualcosa attinente alla sfera legale è un ottimo metodo per posizionarsi. In questo modo, si potrà sperare che il pubblico arrivi non solo perché ricerca lo studio in sé, ma anche perché trova interessanti gli articoli del sito. Indirettamente, il pubblico si ingrandirà e quindi le probabilità di trovare nuovi clienti saranno maggiori.siti web avvocati
  • Registrarsi in tutte le directory possibili. Oltre che per il SEO, è bene che uno studio legale sia presente su tutte le tipologie di portali raccogli-dati, non solo sulle Pagine Gialle.
  • Provare con Adwords. Google Adwords, come accennavamo prima, permette di creare inserzioni per pubblicizzarsi online. Si possono programmare orari di annunci, parole chiave, target e tanto altro. E’ un ottimo investimento per farci trovare da chi ci sta cercando.
  • Mostrare decoro e professionalità. Per molte categorie, primi fra tutti gli studi legali, è fondamentale apparire co
    me professionisti su cui poter contare e a cui affidare casi che riguardano le proprie vite. Anche il web, soprattutto oggi, contribuisce a formare la famosa “prima impressione”. Giocarsela male sarebbe un peccato.

 

Seguire questi consigli è importante. D’altro canto, ricordiamoci che bisogna raggiungere i propri clienti là dove si trovano, e recenti sondaggi possono confermare come nel novembre 2016 ben il 54% degli italiani abbiano compiuto attività online e la metà abbiano utilizzato Google e gli altri motori di ricerca.

 

Chiamaci per chiederci come possiamo aiutare te e la tua attività con il web marketing o clicca per un preventivo.

Condividi
Nessun commento

Di' la tua